©2024|Roger Weiss

rogerweiss@bluemail.ch

XInsta




About




The photographic work of Roger Weiss delves deeply into contemporary Anthropic identity. Weiss, a Swiss photographer, graduated summa cum laude from the Brera Academy of Fine Arts in Italy, reelaborates human bodies through fragmentations, hybridisations, dilations, and photographic reconstructions, to reveal the archetypal form of the human being.

His work has been exhibited at exhibit spaces and art fairs in Europe and the US including: Ohsh Projects, London (UK), Gallery Sèbastien Lepeuve, Clichy (FR), Snap! Orlando Gallery, Orlando (US), Limonaia di Villa Strozzi, Florence (IT), Museo del Barocco (IT), Gervasuti Foundation, Venice (IT), Deutsch-Amerikanisches Institut, Heidelberg (DE), Kulturzentrum Alte Kaserne, Winterthur (CH).
He has several publications in books and leading trade magazines including: The Opéra, Kerber publisher, book (DE), The Song of Songs, which is Solomon's, Josef Weiss Private Press, book (CH), Doppelgänger, Image of the Human Being, Gestalten publisher, book (DE), Schön! Magazine (UK), Carnale Magazine (IT), Digit! Magazine (DE), Blink Magazine (Korea), and interviews including Exibart (IT), ArtsLife (IT), i-D (UK), Dazed (UK), Vogue Italia (IT), RSI (CH), NY ARTS (USA). His collaborations include brands such as Apple, Enterprise Japan, Amina Muaddi and Wolford.
From 2017 to 2020 he was the art director of Collectible DRY magazine.

Portrait   
               
     


Selected Shows



Group Show: Ohsh Projects
Liquify
London, UK
co-curated by Jon Baker and OHSH Projects

Art Fair: MIA Milan Image Art Fair
LOOKING AT HER
Paola sosio contemporary art milan, IT
Curated by DOMENICO DE CHIRICO


Group Show: FUMES AND PERFUMES
FUMES AND PERFUMES 9.0
Stuttgart, DE (Catalogue)


Group Show: Gallery SÈBASTIEN LEPEUVE
21
Clichy, FR

Group Show: Museo Regionale della Bonifica di Cà Vendramin
L’energia della creatività
Rovigo, IT
Curated byi Melania Ruggini

Group Show: Limonaia di Villa Strozzi
Diari Urbani
Florence, IT
curated by Chiara Massini

Group Show: Museo del Barocco
LA BELLEZZA SOSPESA TRA VISIONE E REALTà
Noto, IT (catalogue)
curated by Chiara Massini

Art Fair: Photissima Art Fair
Welcome to the jungle!
Torin, IT
Curated by Famiglia Margini gallery Milan, IT


Solo Show: PArCo | Padiglione Arte Contemporanea
Cyclical Time
Casier, IT
Curated by Chiara Massini

Group Show: Gervasuti Foundation
SCREAMING SCREEN
Venice, IT

Solo Show: Association Oltre la Moda, Spazio Luigi Salvioli artist representatives s.r.l. LULÙ
Milan, IT
Curated by Luigi Salvioli

Solo Show: Deutsch-Amerikanisches Institut
Sospension
Heidelberg, DE
Curated by Jakob J. Köllhofer

Group Show: Kulturzentrum Alte Kaserne
Start 2
Winterthur, CH

Curated by Iren Tanner




Selected Artwork


  1. Hysteria 
  2. Human Dilatations
  3. Flat Humans
  4. Genealogy of a Body
  5. Survey of Human Map
  6. Intimate Archive
  7. Cyclical Time
  8. Be Two  
  9. I am Flesh



Selected Interviews


Magazine: Collater.al
LE HUMAN DILATATIONS DI ROGER WEISS
7 July 2023, IT
Text by Giorgia Massari


Blog: Exibart
OTHER IDENTITY #49. ALTRE FORME DI IDENTITÀ CULTURALI E PUBBLICHE: ROGER WEISS
Issue 49, 17 feb. 2023, IT
Interviewer: Francesco Arena


Newspaper: ArtsLife
ROGER WEISS: RIELABORARE IL CORPO ALLA RICERCA DEL SUO ARCHETIPO
the cultural revolution online, 19 Jan. 2023, IT
Interviewer: Rebecca Delmenico


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept. 2022, IT
Interview by Lorenzo Ottone


Magazine: SFG Magazine
THERE ARE NO IDEAS THAT ARE NOT CON- NECTED WITH PERSONAL EXPERIENCE, DESIRES AND FEARS
12 Feb. 2022, UA
Interviewer: Sergey Gutakovsky
Translation: Angelina Petrova
Editor: Sergey Fomkin


Magazine: Swarm Magazine
HUMAN DILATATIONS
02 Sept. 2021, Prague, Czechia
Interview by Markéta Kosinová


Podcast: SPREAKER Podcast
ROGER WEISS E L’ARTE DEL KINTSUGI
00:12:34, 02 July 2021, IT
by Alessio Bottiroli
On The Nature Of Light
Un podcast di e sulla fotografia


Magazine: I-D
I CORPI DISTORTI ED EMANCIPATI NEGLI SCATTI DI ROGER WEISS PER LA COLLEZI- ONE AMINA MUADDI X WOLFORD
29 July 2021, IT
TEXT by Carolina Davalli


Blog: The Dummy’s Tales
ROGER WEISS, IL CORPO ANARCHICO
08 Feb. 2021, IT
TEXT by Francesca Interlenghi


Magazine: Art Super Magazine
ROGER WEISS: EATING, THE ACT OF CONFIDENCE
Jan. 2018, IT
Interview by Annalisa Scandroglio


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK
Interview by Sav Liotta


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE
Interview by Von Peter Schuffelen


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT
Interview by Valentina De’ Mathà


Magazine: Dazed
THESE PHOTOGRAPHS EXPLORE NEW PER- SPECTIVES OF FEMALE BEAUTY
26 June 2016, UK
Interview by Ione Gamble


Blog: FotoRoom
HUMAN DILATATIONS: Roger Weiss Creates Mind-Blowing Portraits of Dilated Female Bodies
02 May 2016, IT


Rubrique: Les Blogs DE l’ART HELVÈTIQUE CONTEMPORAIN
UN HOMME EN MOUVEMENT: PORTRAIT DE L’ARTISTE DE THURGOVIE ROGER WEISS
23 July 2015, CH
Interview byJ-Paul Gavard-Perret
Rubrique des arts plastiques et de la littérature en Suisse


Magazine: Vogue Italia
ROGER WEISS
05 April 15, IT
Interview by Alessia Glaviano


TV: RSI, Cult Tv
ROGER WEISS
03 March 2014, CH


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
14 pages + Cover, 2012, Korea


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT









Special Projects


  1. Enterprise Japan
  2. Carnale Magazine
  3. Learnn
  4. Apple
  5. Collectible DRY
  6. Cosha
  7. Wolford|Amina Muaddi
  8. Camilla Sparksss
  9. Schön! Magazine




Selected Publications
    


BOOK: Seltmann Publisher
FUMES AND PERFUMES
10 pages, 18 Jan. 2024, DE
Herausgeber / Editors: Frank Bayh & Steff Rosenberger-Ochs, Peter Franck, Bernd Kammerer, Monica Menez und Yves Noir


MAGAZINE: WeAr Magazine
We Are One
Issue 75, 1 page, March 2023. IT
Enterprise Japan FW23 Campaign


BOOK: Dumont Publisher
I SEE VULVAS EVERYWHERE
1 page, 18 July. 2023, DE
By Lisa Frischemeier


Book: Kerber Publisher
THE OPÉRA
10 pages, 14 Nov. 2022, DE
Edited by Matthias Straub Designed by Steffen Knöll Designed by Sven Tillack
Limited anniversary issue of The Opéra – Magazine for Contemporary Nude Photography – including its most famous positions of the past as well as new views on the human body


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept, 2022, IT


MAGAZINE: The Opéra Magazine
THE HUG
Volume X, 10 pages, 12 July 2021, DE


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK


MAGAZINE: The Opéra Magazine
HUMAN DILATATIONS
Volume VI, 8 pages, Oct. 2017, DE


MAGAZINE: Schön Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 33, 10 pages, Oct. 2017, UK


BOOK: Josef Weiss Private Press
THE SONG OF SONGS, WHICH IS SOLOMON’S, 2016, CH


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
Cover + 14 pages, 2012, Korea


BOOK: Gestalten Publishers
DOPPELGÄNGER, IMAGE OF THE HUMAN BEING
2 pages, Jan. 31, 2011, DE


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT



















2023|Exibart







Altre forme di identità culturali e pubbliche: Roger Weiss





Exibart
Other Identity #49, 170223, IT
Interviewer: Francesco Arena


Other Identity è la rubrica dedicata al racconto delle nuove identità visive e culturali e della loro rappresentazione, nel terzo millennio: intervista a Roger Weiss

Tratta dall’omonima rassegna ideata dall’artista e curatore indipendente Francesco Arena, la rubrica “OTHER IDENTITY
– Altre forme di identità culturali e pubbliche” vuole essere una cartina al tornasole capace di misurare lo stato di una nuova e più attuale grammatica visiva, presentando il lavoro di autori e artisti che operano con i linguaggi della fotografia, del video e della performance, per indagare i temi dell’identità e dell’autorappresentazione. Questa settimana l’ospite intervistato è Roger Weiss





OTHER IDENTITY: ROGER WEISS

IL NOSTRO PRIVATO È PUBBLICO E LA RAPPRESENTAZIONE DI NOI STESSI SI MODIFICA E SI SPETTACOLARIZZA CONTINUAMENTE IN OGNI NOSTRO AGIRE. QUAL È LA TUA RAPPRESENTAZIONE DI ARTE?

«È un percorso delicato decidere come dare forma al
proprio modo di percepire la realtà. In questo processo,
la mia rappresentazione di arte si rivela in uno sguardo sull’uomo contemporaneo, spogliato dei due elementi che contraddistinguono la sua ricerca: perfezione fisica e il potere/ ruolo attuale della mente».

CREIAMO DELLE VERE E PROPRIE IDENTITÀ DI GENERE CHE OGNUNO DI NOI SCEGLIE IN CORRISPONDENZA DELLE CARATTERISTICHE CHE VUOLE EVIDENZIARE, COSÌ FORNIAMO TRACCE. QUAL È LA TUA “IDENTITÀ” NELL’ARTE CONTEMPORANEA?

«La mia identità si manifesta attraverso una visione dialettica rivolta a poche e sempre le medesime domande esistenziali. Un po’ come nell’apparizione del proprio “Sé” allo specchio, unito al modo che si ha di percepirsi senza toccarsi.

In relazione al ruolo attribuito alla ghiandola pineale per Cartesio, immagino la mia identità nell’arte contemporanea alimentata
da un incessante punto di incontro/scontro tra il mio interno
e privato, e quella sfera connessa a manifestazioni esterne e pubbliche; che cerco di convogliare in un canale dinamico, attraverso cui lasciar fluire e decodificare l’insieme di flussi legati a più dimensioni possibili, per spingermi verso l’essenza delle cose: privare l’essere umano del suo costruito e portarlo alla sua forma originaria».

QUANTO CONTA PER TE L’IMPORTANZA DELL’APPARENZA SOCIALE E PUBBLICA?

«Rifletto sul fatto che, nel nostro contesto sociale, la comunicazione che avviene tra persone per mezzo di tutto quanto è pubblico, è un bene con un ruolo sempre più rilevante/ condizionante. L’apparenza sociale è interpretare/interiorizzare l’altro attraverso una lettura legata prima di tutto alla sua fisicità, il suo corpo, dunque, la sua estetica. Non avviene invece, come primo approccio, attraverso lo scambio tra le nostre parti più intime e interiori. In questa mancanza di condivisione, legata al nostro lato più oscuro, auspico, nell’apparire pubblicamente, una volontà di “frizionare” insieme queste due realtà, rendendo più particolareggiato l’apparire del nostro “Io”».

IL RICHIAMO, IL PLAGIO, LA RIEDIZIONE, IL READY MADE DELL’ICONOGRAFIA DI UN’IDENTITÀ LEGATA AL PASSATO,
AL PRESENTE E AL CONTEMPORANEO SONO MESSI COSTANTEMENTE IN DISCUSSIONE IN UNA RICERCA AFFANNOSA DI UNA NUOVA IDENTIFICAZIONE DEL SÉ, DI UN NUOVO VALORE DI RAPPRESENTAZIONE. QUAL È IL TUO VALORE DI RAPPRESENTAZIONE OGGI?

«Rimanere fermo nell’idea che ogni essere umano rappresenti un singolo tentativo. Uno sforzo di esistere oltre alla propria affermazione fisica».

LL NOSTRO “AGIRE” PUBBLICO, ANCHE CON UN’OPERA D’ARTE, TRAVOLGE IL NOSTRO QUOTIDIANO, LA NOSTRA VITA INTIMA,
I NOSTRI SENTIMENTI O, MEGLIO, LA RIPRODUZIONE DI TUTTO CIÒ CHE SIAMO E PROVIAMO AD APPARIRE NEI CONFRONTI DEL MONDO. TU TI DEFINISCI UN’ARTISTA AGLI OCCHI DEL MONDO?

«Ogni qual volta si parla di etichette, decido di fermarmi per
un momento a riflettere sulla mia attuale percezione di questa, o quella classificazione, che immagino serva a semplificare complessità altrimenti impossibili da sintetizzare in una formula piramidale. Vorrei, piuttosto, considerarmi un uomo in cammino che, attraverso un determinato linguaggio, cerca di dare forma alle proprie piccole scoperte».

QUALE “IDENTITÀ CULTURALE E PUBBLICA” AVRESTI VOLUTO ESSERE OLTRE A QUELLA CHE TI APPARTIENE?

«Mi regalo l’abbaglio di autogovernare i passi che scandiscono il mio viaggio, anche relativamente alla mia identità di “creativo”. In questa condizione di effimera libertà, mi manca il mordente per immaginarmi altrove».

BIOGRAFIA

Roger Weiss è un artista di origine svizzera, vive e lavora in Ticino. Si è diplomato, con lode, all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano, IT. Il punto focale del suo lavoro, nel suo personale approccio di

decostruzione/ricostruzione fotografica, è osservare il corpo con tutti i suoi presunti difetti, volumi e fragilità, e riportarlo idealmente alla sua forma “archetipa”.

La sua ricerca è contraddistinta da opere fotografiche iperdettagliate di grande formato, che nascono da centinaia di singoli scatti assemblati insieme. L’uso che fa del mezzo fotografico è quello di un “archivista” che raccoglie e cataloga dettagli ripetitivi, che poi riorganizza in modo da sfidare la nostra visione del corpo e della bellezza convenzionale.