©2024|Roger Weiss

rogerweiss@bluemail.ch

XInsta




About




The photographic work of Roger Weiss delves deeply into contemporary Anthropic identity. Weiss, a Swiss photographer, graduated summa cum laude from the Brera Academy of Fine Arts in Italy, reelaborates human bodies through fragmentations, hybridisations, dilations, and photographic reconstructions, to reveal the archetypal form of the human being.

His work has been exhibited at exhibit spaces and art fairs in Europe and the US including: Ohsh Projects, London (UK), Gallery Sèbastien Lepeuve, Clichy (FR), Snap! Orlando Gallery, Orlando (US), Limonaia di Villa Strozzi, Florence (IT), Museo del Barocco (IT), Gervasuti Foundation, Venice (IT), Deutsch-Amerikanisches Institut, Heidelberg (DE), Kulturzentrum Alte Kaserne, Winterthur (CH).
He has several publications in books and leading trade magazines including: The Opéra, Kerber publisher, book (DE), The Song of Songs, which is Solomon's, Josef Weiss Private Press, book (CH), Doppelgänger, Image of the Human Being, Gestalten publisher, book (DE), Schön! Magazine (UK), Carnale Magazine (IT), Digit! Magazine (DE), Blink Magazine (Korea), and interviews including Exibart (IT), ArtsLife (IT), i-D (UK), Dazed (UK), Vogue Italia (IT), RSI (CH), NY ARTS (USA). His collaborations include brands such as Apple, Enterprise Japan, Amina Muaddi and Wolford.
From 2017 to 2020 he was the art director of Collectible DRY magazine.

Portrait   
               
     


Selected Shows



Group Show: Ohsh Projects
Liquify
London, UK
co-curated by Jon Baker and OHSH Projects

Art Fair: MIA Milan Image Art Fair
LOOKING AT HER
Paola sosio contemporary art milan, IT
Curated by DOMENICO DE CHIRICO


Group Show: FUMES AND PERFUMES
FUMES AND PERFUMES 9.0
Stuttgart, DE (Catalogue)


Group Show: Gallery SÈBASTIEN LEPEUVE
21
Clichy, FR

Group Show: Museo Regionale della Bonifica di Cà Vendramin
L’energia della creatività
Rovigo, IT
Curated byi Melania Ruggini

Group Show: Limonaia di Villa Strozzi
Diari Urbani
Florence, IT
curated by Chiara Massini

Group Show: Museo del Barocco
LA BELLEZZA SOSPESA TRA VISIONE E REALTà
Noto, IT (catalogue)
curated by Chiara Massini

Art Fair: Photissima Art Fair
Welcome to the jungle!
Torin, IT
Curated by Famiglia Margini gallery Milan, IT


Solo Show: PArCo | Padiglione Arte Contemporanea
Cyclical Time
Casier, IT
Curated by Chiara Massini

Group Show: Gervasuti Foundation
SCREAMING SCREEN
Venice, IT

Solo Show: Association Oltre la Moda, Spazio Luigi Salvioli artist representatives s.r.l. LULÙ
Milan, IT
Curated by Luigi Salvioli

Solo Show: Deutsch-Amerikanisches Institut
Sospension
Heidelberg, DE
Curated by Jakob J. Köllhofer

Group Show: Kulturzentrum Alte Kaserne
Start 2
Winterthur, CH

Curated by Iren Tanner




Selected Artwork


  1. Hysteria 
  2. Human Dilatations
  3. Flat Humans
  4. Genealogy of a Body
  5. Survey of Human Map
  6. Intimate Archive
  7. Cyclical Time
  8. Be Two  
  9. I am Flesh



Selected Interviews


Magazine: Collater.al
LE HUMAN DILATATIONS DI ROGER WEISS
7 July 2023, IT
Text by Giorgia Massari


Blog: Exibart
OTHER IDENTITY #49. ALTRE FORME DI IDENTITÀ CULTURALI E PUBBLICHE: ROGER WEISS
Issue 49, 17 feb. 2023, IT
Interviewer: Francesco Arena


Newspaper: ArtsLife
ROGER WEISS: RIELABORARE IL CORPO ALLA RICERCA DEL SUO ARCHETIPO
the cultural revolution online, 19 Jan. 2023, IT
Interviewer: Rebecca Delmenico


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept. 2022, IT
Interview by Lorenzo Ottone


Magazine: SFG Magazine
THERE ARE NO IDEAS THAT ARE NOT CON- NECTED WITH PERSONAL EXPERIENCE, DESIRES AND FEARS
12 Feb. 2022, UA
Interviewer: Sergey Gutakovsky
Translation: Angelina Petrova
Editor: Sergey Fomkin


Magazine: Swarm Magazine
HUMAN DILATATIONS
02 Sept. 2021, Prague, Czechia
Interview by Markéta Kosinová


Podcast: SPREAKER Podcast
ROGER WEISS E L’ARTE DEL KINTSUGI
00:12:34, 02 July 2021, IT
by Alessio Bottiroli
On The Nature Of Light
Un podcast di e sulla fotografia


Magazine: I-D
I CORPI DISTORTI ED EMANCIPATI NEGLI SCATTI DI ROGER WEISS PER LA COLLEZI- ONE AMINA MUADDI X WOLFORD
29 July 2021, IT
TEXT by Carolina Davalli


Blog: The Dummy’s Tales
ROGER WEISS, IL CORPO ANARCHICO
08 Feb. 2021, IT
TEXT by Francesca Interlenghi


Magazine: Art Super Magazine
ROGER WEISS: EATING, THE ACT OF CONFIDENCE
Jan. 2018, IT
Interview by Annalisa Scandroglio


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK
Interview by Sav Liotta


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE
Interview by Von Peter Schuffelen


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT
Interview by Valentina De’ Mathà


Magazine: Dazed
THESE PHOTOGRAPHS EXPLORE NEW PER- SPECTIVES OF FEMALE BEAUTY
26 June 2016, UK
Interview by Ione Gamble


Blog: FotoRoom
HUMAN DILATATIONS: Roger Weiss Creates Mind-Blowing Portraits of Dilated Female Bodies
02 May 2016, IT


Rubrique: Les Blogs DE l’ART HELVÈTIQUE CONTEMPORAIN
UN HOMME EN MOUVEMENT: PORTRAIT DE L’ARTISTE DE THURGOVIE ROGER WEISS
23 July 2015, CH
Interview byJ-Paul Gavard-Perret
Rubrique des arts plastiques et de la littérature en Suisse


Magazine: Vogue Italia
ROGER WEISS
05 April 15, IT
Interview by Alessia Glaviano


TV: RSI, Cult Tv
ROGER WEISS
03 March 2014, CH


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
14 pages + Cover, 2012, Korea


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT









Special Projects


  1. Enterprise Japan
  2. Carnale Magazine
  3. Learnn
  4. Apple
  5. Collectible DRY
  6. Cosha
  7. Wolford|Amina Muaddi
  8. Camilla Sparksss
  9. Schön! Magazine




Selected Publications
    


BOOK: Seltmann Publisher
FUMES AND PERFUMES
10 pages, 18 Jan. 2024, DE
Herausgeber / Editors: Frank Bayh & Steff Rosenberger-Ochs, Peter Franck, Bernd Kammerer, Monica Menez und Yves Noir


MAGAZINE: WeAr Magazine
We Are One
Issue 75, 1 page, March 2023. IT
Enterprise Japan FW23 Campaign


BOOK: Dumont Publisher
I SEE VULVAS EVERYWHERE
1 page, 18 July. 2023, DE
By Lisa Frischemeier


Book: Kerber Publisher
THE OPÉRA
10 pages, 14 Nov. 2022, DE
Edited by Matthias Straub Designed by Steffen Knöll Designed by Sven Tillack
Limited anniversary issue of The Opéra – Magazine for Contemporary Nude Photography – including its most famous positions of the past as well as new views on the human body


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept, 2022, IT


MAGAZINE: The Opéra Magazine
THE HUG
Volume X, 10 pages, 12 July 2021, DE


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK


MAGAZINE: The Opéra Magazine
HUMAN DILATATIONS
Volume VI, 8 pages, Oct. 2017, DE


MAGAZINE: Schön Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 33, 10 pages, Oct. 2017, UK


BOOK: Josef Weiss Private Press
THE SONG OF SONGS, WHICH IS SOLOMON’S, 2016, CH


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
Cover + 14 pages, 2012, Korea


BOOK: Gestalten Publishers
DOPPELGÄNGER, IMAGE OF THE HUMAN BEING
2 pages, Jan. 31, 2011, DE


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT



















2021|i-D Magazine






I corpi distorti ed emancipati negli scatti di Roger Weiss per la collezione Amina Muaddi per Wolford





I-D, 29 July 2021, IT
Text by Carolina Davalli




Busti dilatati e arti vertiginosi come critica alla rappresentazione del corpo femminile. Abbiamo parlato col fotografo che ha saputo traslare in immagini l’estetica visionaria della designer metà giordana e metà rumena. 

Così nasce questo trio collaborativo, che unisce progettualità, estetica e fotografia in un clash tra linee distorte, verticalità da capogiro e corpi consapevoli dello spazio che occupano, liberi nella mobilità concessa dalla capsule Amina Muaddi x Wolford. Questo il concept per una collezione che ingloba l’immaginario di entrambi i brand e che si inserisce con coerenza all’interno dell’universo creativo di Roger Weiss, fotografo svizzero che da sempre si concentra sul corpo, la sua rappresentazione e le possibili attuazioni estetiche che può (e, secondo lui, deve) avere nella contemporaneità.

Intrigate da questi scatti visionari, da queste figure totemiche senza tempo e dalla filosofia che sostanzia la pratica di Weiss, abbiamo deciso di intervistarlo in occasione di questa già leggendaria collaborazione per la campagna Amina Muaddi x Wolford. 


Ciao Roger! Come sei entrato nel mondo della fotografia?

La fotografia è una realtà che mi accompagna da sempre, grazie a mio padre, ma che ho iniziato a praticare con consapevolezza a partire dagli 11 anni. Ciò che non è mai cambiato è la mia incapacità di viverla come un’estensione, è piuttosto uno strumento che mi permette di mantenere un certo distacco da ciò che mi circonda, consentendomi di indagare oltre i miei limiti sia sul piano artistico che professionale.


Guidaci attraverso il tuo processo creativo.

Creare significa sapere cosa togliere e quando fermarsi, oppure aggiungere materia, fino al punto in cui l’opera è in grado di stare in piedi da sola. Per la realizzazione dei miei totem mi sono ispirato alla tecnica giapponese del kintsugi e così, durante le mie lunghe sessioni di posa, frammento il soggetto ritratto in infinite singole immagini fotografiche. Dopo aver analizzato questi frammenti, ne seleziono alcune centinaia, per ricomporli. Qui inizio un lungo processo di ricostruzione, che mi permette di mettere in luce punti reconditi del corpo e dargli, in una sorta di democrazia delle parti, una visibilità reinterpretata.

Il mondo é come un vespaio, sempre in agitazione, impenetrabile e staccato da ciò che lo circonda. In questo continuo moto, ho visto nel corpo umano la materia da cui toglierei il superfluo per estrarre il mio Totem contemporaneo. Il totem crea pensieri e rappresenta la totalità intorno alla quale si possono creare dei riti. Racchiude tutto ciò che le persone possono pensare e desiderare, rappresenta i rapporti degli uomini divenendo così tabù, che rimane inviolato poiché non si può toccare.


Come lavori con i tuoi soggetti?

L’intento non è quello di esaltare la bellezza di chi posa e neppure quella di raccontare un avvenimento. Chi accetta di posare per me sa che prenderà parte a un’esperienza diversa. Invito persone che richiamano in un modo o nell’altro la mia attenzione e chiedo loro di percorrere un breve tratto di strada insieme a me. Se a loro interessa, ho già le idee piuttosto chiare su ciò che voglio ottenere—si tratta di un processo per il quale non posso fare molte prove. Anche se non c’è un vero e proprio modus operandi, spesso utilizzo dei taccuini nei quali eseguo dei disegni preliminari che, durante lo shooting, utilizzo come guida per le mie opere finali.

Per dare vita a queste opere lavoro molto sull’estensione verticale delle figure e su una raccolta di informazioni molto dettagliate. Le distorsioni prospettiche ottenute prendono vita in forma naturale a partire dalle diverse ottiche che utilizzo durante gli scatti, dai diversi punti di vista scelti e, infine, da come decido di assemblare la selezione di immagini che scelgo di utilizzare. 


Descrivi la tua fotografia in tre parole.

VIVERE una RELAZIONE di DIFFERENZE.


Con Human Dilatations esplori i concetti di perfezione fisica e il potere della mente. Com’è nata l’idea del progetto e dove ti ha portato questa ricerca?

Non c’è mai stata un’idea prestabilita, le mie primissime immagini scattate in pellicola avevano già il principio di ciò che creo oggi. Mi sento di dire che ciò che faccio ha una forte connessione con il mio modo di percepire la realtà e l’archetipo umano. L’ambiente dell’uomo moderno è spinto verso un approccio alla vita fatto di interconnessioni sempre più astratte che ci inducono a vivere le realtà attraverso filtri via via più sofisticati e tali da formare meccanismi vincolanti, senza che ce ne si renda realmente conto.

In questo processo, dove ogni cosa passa attraverso la “rete”, la testa è un simbolo incontrastato ed il corpo un “di più” non necessario se non perfetto, messo in mostra senza una funzione specifica se non quella estetica. Human Dilatations inverte questi due elementi per mostrarci un corpo, una fisicità esasperata nelle proporzioni di alcune sue parti fisiche, e una testa che scema senza lasciare traccia di sé per creare una spaccatura tra la vulnerabilità umana e i due pilastri che ne contraddistinguono l’uomo contemporaneo: perfezione fisica e potere/ruolo della mente.


La fotografia può sovvertire i preconcetti e le tradizioni legate alla rappresentazione del corpo femminile?

La sfida per me è quella di mettere in gioco la percezione del corpo femminile che ho acquisito nel corso degli anni e di tentare di annullare un particolare bagaglio di condizionamenti radicati nella nostra cultura, alleggerendomi di quei canoni estetici che individuano nella donna una deumanizzazione e mercificazione—specifiche di un retaggio culturale sempre più difficile da sradicare.

Così, ho voluto cercare un percorso che andasse ad individuare un’identità antropica contemporanea attraverso fattezze rivisitate di soggetti considerati canonicamente “belli” e traghettati in una veste né bella, né brutta, privati della propria identità e della loro capacità di suscitare impulsi erotici. Forme altre. Verticalizzazioni costruite sull’assenza di quelle proporzioni alle quali siamo tanto affezionati, in un modo di vedere diverso e mai distruttivo. Spezzando i meccanismi che ci guidano nella lettura mi auguro che potremo accostarci ad esse con la freschezza necessaria a permettere un senso di meraviglia.


Com’è stato lavorare al progetto Amina Muaddi x Wolford?

Lavorare insieme ad Amina Muaddi per Wolford è stato rimanere fedele a me stesso, un valore aggiunto, un arricchimento per la mia ricerca artistica, con sintonia e affinità. I tessuti di Wolford hanno saputo valorizzare le linee e le autenticità della donna e le scarpe di Amina, piedistalli ancorati al terreno, si sono estesi in altezza unendo i due piani dai quali ho elaborato le mie architetture femminili. La parte più emozionante è stata lo shooting, quando ognuno è riuscito a dare il massimo, in un concerto volto alla realizzazione delle opere attraverso cui ho cercato di esplorare la femminilità contemporanea. 


Il tuo processo è molto clinico, ma i concetti che tocchi sono profondi, intimi e personali. Come gestisci questo scarto?

Sono affascinato dal concetto legato agli haiku. Regole ferree, restrizioni precise attraverso le quali esprimere profonde e vaste rappresentazioni mentali. L’idea di confine, entro cui poter elaborare un concetto, é una realtà che trovo necessaria per poter ampliare i limiti, abbattendo quelli precedenti e creandone di nuovi in un processo ciclico di frattura e costruzione. Aver creato dei format in cui muovermi mi dà un’incredibile e celata libertà e un’energia che mi motiva a continuare a cercare il mio Totem contemporaneo, la mia forma perfetta, una creazione capace di contenere il tutto e distillare l’essenza delle cose.


Quali sono le tue ispirazioni? E dove le trovi?

Ho adibito un’intera parete bianca, sia in studio che a casa, per poter accogliere il mio sguardo. Mi siedo sulla mia poltrona, metto Le Gibet di Ravel rigorosamente eseguito da Vlado Perlemuter e rimango a fissare la parete bianca sino a quando non inizio a visualizzare qualcosa che rincorro e lascio andare in un gioco di armonie e disarmonie. Mi sono regalato diversi spazi in cui restare, per un po’ di tempo, in silenzio ad ascoltare.


Quali artist* e correnti hanno formato il tuo modo di intendere la fotografia?

Ci sono opere che trascendono il concetto stesso di arte e verso le quali ci si imbatte sempre con un’apertura diversa. Fra i più noti Sam Francis, Michael Heizer, Tarkovskij, Giacometti, Bernhard & Hilla Becher, Louise Bourgeois, Nan Goldin, Rothko, Fischli & Weiss (piccola curiosità; Fischli è il cognome di mia nonna paterna e Weiss di mio nonno paterno).


L’idea di espansione e dilatazione mi fa pensare alle esperienze extracorporee. È qualcosa che ti interessa?

Ho scelto di lavorare sulla donna perché ad oggi non ho trovato nulla che mi colpisse di più rispetto a una creatura capace di essere letteralmente attraversata dalla vita. Da ciò che viene prima della nascita a ciò che viene dopo. I miei sono tentativi di creare figure verticalizzanti capaci di collegare il cielo alla terra, spezzando la linea dell’orizzonte come un tempo facevano i Menhir. 


Tra fotograf* che dovremmo conoscere.

Valentina De’Mathà, Jon Baker e Cyril Hatt.


Ci sono altri progetti a cui stai lavorando?

Sono circa due anni che lavoro a Genealogy of a Body, un progetto in cui ho messo insieme tutte le mie conoscenze acquisite fino ad oggi. Si tratta di uno spaccato sull’uomo che ipoteticamente ci spetterà di conoscere nel nostro futuro. Il mio sogno sarebbe iniziare una collaborazione con una galleria capace di valorizzare e accompagnare al meglio questo mio nuovo progetto.