©2024|Roger Weiss

rogerweiss@bluemail.ch

XInsta




About




The photographic work of Roger Weiss delves deeply into contemporary Anthropic identity. Weiss, a Swiss photographer, graduated summa cum laude from the Brera Academy of Fine Arts in Italy, reelaborates human bodies through fragmentations, hybridisations, dilations, and photographic reconstructions, to reveal the archetypal form of the human being.

His work has been exhibited at exhibit spaces and art fairs in Europe and the US including: Ohsh Projects, London (UK), Gallery Sèbastien Lepeuve, Clichy (FR), Snap! Orlando Gallery, Orlando (US), Limonaia di Villa Strozzi, Florence (IT), Museo del Barocco (IT), Gervasuti Foundation, Venice (IT), Deutsch-Amerikanisches Institut, Heidelberg (DE), Kulturzentrum Alte Kaserne, Winterthur (CH).
He has several publications in books and leading trade magazines including: The Opéra, Kerber publisher, book (DE), The Song of Songs, which is Solomon's, Josef Weiss Private Press, book (CH), Doppelgänger, Image of the Human Being, Gestalten publisher, book (DE), Schön! Magazine (UK), Carnale Magazine (IT), Digit! Magazine (DE), Blink Magazine (Korea), and interviews including Exibart (IT), ArtsLife (IT), i-D (UK), Dazed (UK), Vogue Italia (IT), RSI (CH), NY ARTS (USA). His collaborations include brands such as Apple, Enterprise Japan, Amina Muaddi and Wolford.
From 2017 to 2020 he was the art director of Collectible DRY magazine.

Portrait   
               
     


Selected Shows



Group Show: Ohsh Projects
Liquify
London, UK
co-curated by Jon Baker and OHSH Projects

Art Fair: MIA Milan Image Art Fair
LOOKING AT HER
Paola sosio contemporary art milan, IT
Curated by DOMENICO DE CHIRICO


Group Show: FUMES AND PERFUMES
FUMES AND PERFUMES 9.0
Stuttgart, DE (Catalogue)


Group Show: Gallery SÈBASTIEN LEPEUVE
21
Clichy, FR

Group Show: Museo Regionale della Bonifica di Cà Vendramin
L’energia della creatività
Rovigo, IT
Curated byi Melania Ruggini

Group Show: Limonaia di Villa Strozzi
Diari Urbani
Florence, IT
curated by Chiara Massini

Group Show: Museo del Barocco
LA BELLEZZA SOSPESA TRA VISIONE E REALTà
Noto, IT (catalogue)
curated by Chiara Massini

Art Fair: Photissima Art Fair
Welcome to the jungle!
Torin, IT
Curated by Famiglia Margini gallery Milan, IT


Solo Show: PArCo | Padiglione Arte Contemporanea
Cyclical Time
Casier, IT
Curated by Chiara Massini

Group Show: Gervasuti Foundation
SCREAMING SCREEN
Venice, IT

Solo Show: Association Oltre la Moda, Spazio Luigi Salvioli artist representatives s.r.l. LULÙ
Milan, IT
Curated by Luigi Salvioli

Solo Show: Deutsch-Amerikanisches Institut
Sospension
Heidelberg, DE
Curated by Jakob J. Köllhofer

Group Show: Kulturzentrum Alte Kaserne
Start 2
Winterthur, CH

Curated by Iren Tanner




Selected Artwork


  1. Hysteria 
  2. Human Dilatations
  3. Flat Humans
  4. Genealogy of a Body
  5. Survey of Human Map
  6. Intimate Archive
  7. Cyclical Time
  8. Be Two  
  9. I am Flesh



Selected Interviews


Magazine: Collater.al
LE HUMAN DILATATIONS DI ROGER WEISS
7 July 2023, IT
Text by Giorgia Massari


Blog: Exibart
OTHER IDENTITY #49. ALTRE FORME DI IDENTITÀ CULTURALI E PUBBLICHE: ROGER WEISS
Issue 49, 17 feb. 2023, IT
Interviewer: Francesco Arena


Newspaper: ArtsLife
ROGER WEISS: RIELABORARE IL CORPO ALLA RICERCA DEL SUO ARCHETIPO
the cultural revolution online, 19 Jan. 2023, IT
Interviewer: Rebecca Delmenico


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept. 2022, IT
Interview by Lorenzo Ottone


Magazine: SFG Magazine
THERE ARE NO IDEAS THAT ARE NOT CON- NECTED WITH PERSONAL EXPERIENCE, DESIRES AND FEARS
12 Feb. 2022, UA
Interviewer: Sergey Gutakovsky
Translation: Angelina Petrova
Editor: Sergey Fomkin


Magazine: Swarm Magazine
HUMAN DILATATIONS
02 Sept. 2021, Prague, Czechia
Interview by Markéta Kosinová


Podcast: SPREAKER Podcast
ROGER WEISS E L’ARTE DEL KINTSUGI
00:12:34, 02 July 2021, IT
by Alessio Bottiroli
On The Nature Of Light
Un podcast di e sulla fotografia


Magazine: I-D
I CORPI DISTORTI ED EMANCIPATI NEGLI SCATTI DI ROGER WEISS PER LA COLLEZI- ONE AMINA MUADDI X WOLFORD
29 July 2021, IT
TEXT by Carolina Davalli


Blog: The Dummy’s Tales
ROGER WEISS, IL CORPO ANARCHICO
08 Feb. 2021, IT
TEXT by Francesca Interlenghi


Magazine: Art Super Magazine
ROGER WEISS: EATING, THE ACT OF CONFIDENCE
Jan. 2018, IT
Interview by Annalisa Scandroglio


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK
Interview by Sav Liotta


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE
Interview by Von Peter Schuffelen


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT
Interview by Valentina De’ Mathà


Magazine: Dazed
THESE PHOTOGRAPHS EXPLORE NEW PER- SPECTIVES OF FEMALE BEAUTY
26 June 2016, UK
Interview by Ione Gamble


Blog: FotoRoom
HUMAN DILATATIONS: Roger Weiss Creates Mind-Blowing Portraits of Dilated Female Bodies
02 May 2016, IT


Rubrique: Les Blogs DE l’ART HELVÈTIQUE CONTEMPORAIN
UN HOMME EN MOUVEMENT: PORTRAIT DE L’ARTISTE DE THURGOVIE ROGER WEISS
23 July 2015, CH
Interview byJ-Paul Gavard-Perret
Rubrique des arts plastiques et de la littérature en Suisse


Magazine: Vogue Italia
ROGER WEISS
05 April 15, IT
Interview by Alessia Glaviano


TV: RSI, Cult Tv
ROGER WEISS
03 March 2014, CH


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
14 pages + Cover, 2012, Korea


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT









Special Projects


  1. Enterprise Japan
  2. Carnale Magazine
  3. Learnn
  4. Apple
  5. Collectible DRY
  6. Cosha
  7. Wolford|Amina Muaddi
  8. Camilla Sparksss
  9. Schön! Magazine




Selected Publications
    


BOOK: Seltmann Publisher
FUMES AND PERFUMES
10 pages, 18 Jan. 2024, DE
Herausgeber / Editors: Frank Bayh & Steff Rosenberger-Ochs, Peter Franck, Bernd Kammerer, Monica Menez und Yves Noir


MAGAZINE: WeAr Magazine
We Are One
Issue 75, 1 page, March 2023. IT
Enterprise Japan FW23 Campaign


BOOK: Dumont Publisher
I SEE VULVAS EVERYWHERE
1 page, 18 July. 2023, DE
By Lisa Frischemeier


Book: Kerber Publisher
THE OPÉRA
10 pages, 14 Nov. 2022, DE
Edited by Matthias Straub Designed by Steffen Knöll Designed by Sven Tillack
Limited anniversary issue of The Opéra – Magazine for Contemporary Nude Photography – including its most famous positions of the past as well as new views on the human body


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept, 2022, IT


MAGAZINE: The Opéra Magazine
THE HUG
Volume X, 10 pages, 12 July 2021, DE


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK


MAGAZINE: The Opéra Magazine
HUMAN DILATATIONS
Volume VI, 8 pages, Oct. 2017, DE


MAGAZINE: Schön Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 33, 10 pages, Oct. 2017, UK


BOOK: Josef Weiss Private Press
THE SONG OF SONGS, WHICH IS SOLOMON’S, 2016, CH


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
Cover + 14 pages, 2012, Korea


BOOK: Gestalten Publishers
DOPPELGÄNGER, IMAGE OF THE HUMAN BEING
2 pages, Jan. 31, 2011, DE


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT



















2021|The Dummy’s Talles






Roger Weiss, il corpo anarchico




The  Dummy’s Tales, 080221, IT
Text by Francesca Interlenghi




Abbandona le consuetudini. Distorce lo sguardo. Forza le proporzioni. Riscrive ossessivamente e disperatamente il corpo, e con esso il suo ritmo. Ne potenzia risonanze e squilibri. Fa sprigionare dal gesto artistico il senso di un lirismo nuovo che, per il suo slancio o la sua ampiezza nell’aria, finisce per oltrepassare il lirismo della carne. Interrompe, infine, l’assoggettamento al linguaggio visivo dando il senso di una grammatica nuova e più profonda che si nasconde sotto i gesti e sotto i segni.

L’indagine di Roger Weiss non teme le fragilità e le imperfezioni del corpo. Guarda all’immagine femminile liberandola dalla nozione di stereotipo, di codice, di modello. Proiettandola nello spazio, con un’azione a tratti perturbante, quasi volesse risvegliare la sensibilità generale. Dà vita a forme altre, diversa bellezza, restituendo il senso di una creazione nuova. Come se, spezzando il soggetto in una moltitudine di frammenti, l’artista dapprima lo interiorizzasse e poi lo esternasse attraverso una reinterpretazione comprensiva del suo stesso nucleo di creatore, delle sue stesse particelle costitutive. Forse, un’epifania.

Sono sempre stato attratto, fin da piccolo, dalla fisicità della donna. Qualcosa di irraggiungibile, una idealizzazione che mi porto ancora dietro e dentro. Accade poi, nella vita di un uomo prima ancora che in quella di un artista, di immettersi in una strada e percorrerla, dovendo in qualche modo fare i conti con sé stessi. Alla figura femminile mi sono avvicinato a tratti, è stato il primo approccio verso l’esterno avvenuto attraverso uno strumento meccanico: la macchina fotografica. Non amo molto la fotografia, ma è un mezzo fedele che si interpone tra me e l’altro. Una sorta di fil rouge, funzionale e necessario affinché io possa sentirmi libero di accorciare le distanze, seppur con una protezione.

Scomporre, ricomporre, sperimentare. Creare linee nuove. Ogni opera vive in centinaia di fotogrammi assemblati insieme così da garantire che ogni immagine conservi una ricchezza di informazioni fotografiche che sarebbe altrimenti impossibile ottenere. Garantendo altresì all’autore la possibilità di creare distorsioni e prospettive accentuate, utilizzando una varietà di angoli di ripresa che spezzano in qualche modo la percezione automatica, l’automatismo dell’osservatore. Costringendolo a una rielaborazione che culmina nello stupore della scoperta, quasi un incantamento.

Indagare l’essenza femminile in una dimensione che vada oltre il ‘logos’, ecco la sfida. Per fare ciò ho guardato al Neolitico come punto di partenza. Il simbolismo della Dea e il mistero della vita, della morte e della rigenerazione. Un ciclo rappresentato da una grande varietà di simboli, sopravvissuti a millenni di tempo e presenti ancor prima delle religioni patriarcali. Analizzando le statuine (in osso, pietra o terracotta) risalenti all’età della pietra ho subito percepito la loro pura essenza e fragilità.

Trattando la questione da un punto di vista squisitamente narrativo val la pena menzionare il primo progetto I am Flesh: 35 figure femminili nude, per lo più amiche e conoscenti tutte relativamente giovani, colte con le mani dietro al corpo, alcune in punta di piedi, cristallizzate in una tensione plastica e drammatica insieme, in cui l’erotismo cede il passo a una sorta di crudezza primordiale. Direi crudeltà, alla maniera di Artaud, come “rigore, applicazione e decisione implacabile, determinazione irreversibile, assoluta. […] La creazione è un atto di necessità e, come tale, crudele.”

O ancora la serie Human Dilatations – un lavoro in divenire e composto dai capitoli: Human Dilatation, Monolith e The Hug – in cui le distorsioni corporee prevalgono su teste e volti che progressivamente si dissolvono senza lasciare traccia. Una mancanza di identificazione funzionale a che l’autore possa compiere la sua traslazione da un piano individuale a uno universale, riconoscendosi in questi corpi svuotati della loro identità.

Vado cercando il mio totem contemporaneo. Una figura-contenitore che possa accogliere la totalità delle nostre paure, dei nostri desideri, delle nostre fragilità, della nostra vita insomma. Superando confini, spezzando costruzioni e convenzioni, provo a conquistare una nuova libertà.

In tutto il lavoro di Weiss, polisemico e aperto all’interpretazione, è l’inverosimiglianza di questi corpi dalle proporzioni singolari a diventare elemento attivo e concreto di riflessione. Corpi anarchici, senza legge e senza norma, spogliati del vestito e del testo, che si manifestano in tutto il loro carnale appetito di vita.