©2024|Roger Weiss

rogerweiss@bluemail.ch

XInsta




About




The photographic work of Roger Weiss delves deeply into contemporary Anthropic identity. Weiss, a Swiss photographer, graduated summa cum laude from the Brera Academy of Fine Arts in Italy, reelaborates human bodies through fragmentations, hybridisations, dilations, and photographic reconstructions, to reveal the archetypal form of the human being.

His work has been exhibited at exhibit spaces and art fairs in Europe and the US including: Ohsh Projects, London (UK), Gallery Sèbastien Lepeuve, Clichy (FR), Snap! Orlando Gallery, Orlando (US), Limonaia di Villa Strozzi, Florence (IT), Museo del Barocco (IT), Gervasuti Foundation, Venice (IT), Deutsch-Amerikanisches Institut, Heidelberg (DE), Kulturzentrum Alte Kaserne, Winterthur (CH).
He has several publications in books and leading trade magazines including: The Opéra, Kerber publisher, book (DE), The Song of Songs, which is Solomon's, Josef Weiss Private Press, book (CH), Doppelgänger, Image of the Human Being, Gestalten publisher, book (DE), Schön! Magazine (UK), Carnale Magazine (IT), Digit! Magazine (DE), Blink Magazine (Korea), and interviews including Exibart (IT), ArtsLife (IT), i-D (UK), Dazed (UK), Vogue Italia (IT), RSI (CH), NY ARTS (USA). His collaborations include brands such as Apple, Enterprise Japan, Amina Muaddi and Wolford.
From 2017 to 2020 he was the art director of Collectible DRY magazine.

Portrait   
               
     


Selected Shows



Group Show: Ohsh Projects
Liquify
London, UK
co-curated by Jon Baker and OHSH Projects

Art Fair: MIA Milan Image Art Fair
LOOKING AT HER
Paola sosio contemporary art milan, IT
Curated by DOMENICO DE CHIRICO


Group Show: FUMES AND PERFUMES
FUMES AND PERFUMES 9.0
Stuttgart, DE (Catalogue)


Group Show: Gallery SÈBASTIEN LEPEUVE
21
Clichy, FR

Group Show: Museo Regionale della Bonifica di Cà Vendramin
L’energia della creatività
Rovigo, IT
Curated byi Melania Ruggini

Group Show: Limonaia di Villa Strozzi
Diari Urbani
Florence, IT
curated by Chiara Massini

Group Show: Museo del Barocco
LA BELLEZZA SOSPESA TRA VISIONE E REALTà
Noto, IT (catalogue)
curated by Chiara Massini

Art Fair: Photissima Art Fair
Welcome to the jungle!
Torin, IT
Curated by Famiglia Margini gallery Milan, IT


Solo Show: PArCo | Padiglione Arte Contemporanea
Cyclical Time
Casier, IT
Curated by Chiara Massini

Group Show: Gervasuti Foundation
SCREAMING SCREEN
Venice, IT

Solo Show: Association Oltre la Moda, Spazio Luigi Salvioli artist representatives s.r.l. LULÙ
Milan, IT
Curated by Luigi Salvioli

Solo Show: Deutsch-Amerikanisches Institut
Sospension
Heidelberg, DE
Curated by Jakob J. Köllhofer

Group Show: Kulturzentrum Alte Kaserne
Start 2
Winterthur, CH

Curated by Iren Tanner




Selected Artwork


  1. Hysteria 
  2. Human Dilatations
  3. Flat Humans
  4. Genealogy of a Body
  5. Survey of Human Map
  6. Intimate Archive
  7. Cyclical Time
  8. Be Two  
  9. I am Flesh



Selected Interviews


Magazine: Collater.al
LE HUMAN DILATATIONS DI ROGER WEISS
7 July 2023, IT
Text by Giorgia Massari


Blog: Exibart
OTHER IDENTITY #49. ALTRE FORME DI IDENTITÀ CULTURALI E PUBBLICHE: ROGER WEISS
Issue 49, 17 feb. 2023, IT
Interviewer: Francesco Arena


Newspaper: ArtsLife
ROGER WEISS: RIELABORARE IL CORPO ALLA RICERCA DEL SUO ARCHETIPO
the cultural revolution online, 19 Jan. 2023, IT
Interviewer: Rebecca Delmenico


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept. 2022, IT
Interview by Lorenzo Ottone


Magazine: SFG Magazine
THERE ARE NO IDEAS THAT ARE NOT CON- NECTED WITH PERSONAL EXPERIENCE, DESIRES AND FEARS
12 Feb. 2022, UA
Interviewer: Sergey Gutakovsky
Translation: Angelina Petrova
Editor: Sergey Fomkin


Magazine: Swarm Magazine
HUMAN DILATATIONS
02 Sept. 2021, Prague, Czechia
Interview by Markéta Kosinová


Podcast: SPREAKER Podcast
ROGER WEISS E L’ARTE DEL KINTSUGI
00:12:34, 02 July 2021, IT
by Alessio Bottiroli
On The Nature Of Light
Un podcast di e sulla fotografia


Magazine: I-D
I CORPI DISTORTI ED EMANCIPATI NEGLI SCATTI DI ROGER WEISS PER LA COLLEZI- ONE AMINA MUADDI X WOLFORD
29 July 2021, IT
TEXT by Carolina Davalli


Blog: The Dummy’s Tales
ROGER WEISS, IL CORPO ANARCHICO
08 Feb. 2021, IT
TEXT by Francesca Interlenghi


Magazine: Art Super Magazine
ROGER WEISS: EATING, THE ACT OF CONFIDENCE
Jan. 2018, IT
Interview by Annalisa Scandroglio


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK
Interview by Sav Liotta


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE
Interview by Von Peter Schuffelen


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT
Interview by Valentina De’ Mathà


Magazine: Dazed
THESE PHOTOGRAPHS EXPLORE NEW PER- SPECTIVES OF FEMALE BEAUTY
26 June 2016, UK
Interview by Ione Gamble


Blog: FotoRoom
HUMAN DILATATIONS: Roger Weiss Creates Mind-Blowing Portraits of Dilated Female Bodies
02 May 2016, IT


Rubrique: Les Blogs DE l’ART HELVÈTIQUE CONTEMPORAIN
UN HOMME EN MOUVEMENT: PORTRAIT DE L’ARTISTE DE THURGOVIE ROGER WEISS
23 July 2015, CH
Interview byJ-Paul Gavard-Perret
Rubrique des arts plastiques et de la littérature en Suisse


Magazine: Vogue Italia
ROGER WEISS
05 April 15, IT
Interview by Alessia Glaviano


TV: RSI, Cult Tv
ROGER WEISS
03 March 2014, CH


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
14 pages + Cover, 2012, Korea


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT









Special Projects


  1. Enterprise Japan
  2. Carnale Magazine
  3. Learnn
  4. Apple
  5. Collectible DRY
  6. Cosha
  7. Wolford|Amina Muaddi
  8. Camilla Sparksss
  9. Schön! Magazine




Selected Publications
    


BOOK: Seltmann Publisher
FUMES AND PERFUMES
10 pages, 18 Jan. 2024, DE
Herausgeber / Editors: Frank Bayh & Steff Rosenberger-Ochs, Peter Franck, Bernd Kammerer, Monica Menez und Yves Noir


MAGAZINE: WeAr Magazine
We Are One
Issue 75, 1 page, March 2023. IT
Enterprise Japan FW23 Campaign


BOOK: Dumont Publisher
I SEE VULVAS EVERYWHERE
1 page, 18 July. 2023, DE
By Lisa Frischemeier


Book: Kerber Publisher
THE OPÉRA
10 pages, 14 Nov. 2022, DE
Edited by Matthias Straub Designed by Steffen Knöll Designed by Sven Tillack
Limited anniversary issue of The Opéra – Magazine for Contemporary Nude Photography – including its most famous positions of the past as well as new views on the human body


Magazine: Carnale Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 3,  10 pages + a limited edition poster of 100,
size 203x140cm. Sept, 2022, IT


MAGAZINE: The Opéra Magazine
THE HUG
Volume X, 10 pages, 12 July 2021, DE


Magazine: D’Scene Magazine
THE PERSPECTIVE OF ROGER WEISS
4 pages, Dec, 2017, UK


MAGAZINE: The Opéra Magazine
HUMAN DILATATIONS
Volume VI, 8 pages, Oct. 2017, DE


MAGAZINE: Schön Magazine
HUMAN DILATATIONS
Issue 33, 10 pages, Oct. 2017, UK


BOOK: Josef Weiss Private Press
THE SONG OF SONGS, WHICH IS SOLOMON’S, 2016, CH


Magazine: Digit! Magazine
AUSWEITUNG DER KOMFORTZONE
8 pages, Oct/Nov 2016, DE


Magazine: Hestetika Magazine
HUMAN DILATATIONS
8 pages, Oct. 2016, IT


Magazine: Ticino Welcome Magazine
VOGLIO SCOPRIRE NUOVI TERRITORI DA ESPLORARE E RACCONTARE
6 pages, Sept/Nov, 2013, CH


Magazine: Blink Magazine
ROGER WEISS
Cover + 14 pages, 2012, Korea


BOOK: Gestalten Publishers
DOPPELGÄNGER, IMAGE OF THE HUMAN BEING
2 pages, Jan. 31, 2011, DE


Magazine: NY Arts magazine
I AM FLESH
1 page, Summer 2011, NY


Magazine: Twill magazine
35 AN ETHMOGRAPHIC PROJECT
10 pages, June 2010, FR
TEXT by Adriano Zamperini


Magazine: Fotocomputer Magazine
ROGER WEISS
Issue 67, 6 pages, April 2005, IT



















2005|Fotocomputer Magazine





Roger Weiss





Fotocomputer Magazine Nr. 67
6 pages, April 2005, IT




“Il piacere del vedere è primavera che nutre l’estate di consentire più profondo: la possibilità di essere insieme agli altri”. Esordisce in questo modo la nostra intervista, Roger Weiss, l’artista dell’immagine svizzero, anche un po’ “filosofo”, che sa colpire nel segno con le sue immagini. Andiamo conoscerlo.


Come hai iniziato a fotografare?

Il mio inizio ha coinciso con la consapevolezza che la vita si spieghi senza il fondo logico da cui si può pensare emergano gli effetti, i quali significherebbero da soli, senza nessuna traccia a testimoniare il nostro cammino. Tutto è sempre e solo inizio, senza echi da applaudire.


Cos’è per te la fotografia?

Trovo nel bronzo della scultura, nella matericitá della pittura, un calore che sento come un elemento essenziale per la consacrazione ad opera di un pensiero. Poter toccare un’opera significa vibrare con essa, in un senso che la sola idea non potrà mai raccontare. Questo credo sia il motivo per cui inizialmente ho cercato la possibilità di vedere crescere e coesistere insieme tanti elementi che per me sono vita, in un equilibrio nuovo, dove la fotografia è solo una componente di un universo in cui nel centro pulsa la ricerca della piena percezione del presente, nell’espressione di un senso contemporaneo all’esperienza.

In tutto questo, la macchina fotografica è per me una maschera dalla quale prendo forza e nascondo la mia idea del limite, in una realtà ritratta tutta insieme, in un momento solo e senza mediazioni.


Quali sono i temi della tua fotografia?

Il corpo femminile è l’albero nel quale desidero riconoscere le radici dei miei ed altrui desideri. Andando oltre all’immagine, per arrivare al centro della mia intenzione, trovo che di fatto sia l’incontro in sé ad interessarmi intimamente, il vero sapore, quello che non si può né raccontare né ritrarre.

Quando, nel giro di pochi momenti, si decide quanto e come mettersi in gioco, l’uno nei confronti dell’altro. Quello che ne rimane non è solo un frammento di vita vissuta attaccato ad un muro,é materia da toccare, pronta a risvegliare un senso profondo legato al corpo come espressione dello spirito, da conoscere, toccare. Da annusare. Una magia che avviene nell’attimo, sempre diverso, di un incontro fatto di fiducia e tensioni.

Il corpo è la porta in cui inserire la chiave di lettura che é il mio intimo desiderio di andare oltre a me stesso, in una direzione che é con gli altri. Immergermi nel mondo senza temerne le conseguenze ed amare. Non credo vi sia nulla di più difficile, ma allo stesso tempo, di più coinvolgente. In quest’ultimo periodo ho frammentato in piccole parti tutto quanto ho costruito sino ad ora, per ridurlo ai minimi termini, e riguardarlo in uno spazio dalle prospettive e dai colori che prendono vita in nuove dimensioni da visitare.


Quali strumenti usi per catturare le immagini? 

Alterno, a seconda del momento, un piccolo rimedio formato analogico ad una digitale professionale.


 Qual è il tuo rapporto col digitale?

Uno scatto, semplice, pulito, sterile. Uno scatto che posso sporcare con imperfezione della terra, il pigmento, che raccolgo e tocco ed impasto mischiando parte di me ad esso. Il digitale è la possibilità di lavorare con una libertà che non ho scoperto con la fotografia tradizionale. 

Dico di non aver scoperto poiché per anni mi sono cimentato con le tecniche fotografiche e di stampa, le più svariate. Il mio non è stato un approccio approssimativo, ho approfondito in camera oscura le tecniche antiche, il colore ed in bianco e nero e, prova dopo prova, ho cercato, per fortuna senza mai trovarla, la perfezione.


Quali sono, secondo te, i pregi e difetti del digitale?

Il fatto di aver deciso di usare un mezzo piuttosto di un altro mi porta a desiderare di arrivare al massimo, cercando il pregio nel difetto.


Come e quando usi il fotoritocco?

Non mi sono dato limiti legati al pensiero che una tecnica debba rimanere incontaminata.. Gli interventi che apporto alle mie immagini sono strettamente legati all’idea che lo studio debba prendere corpo nella maniera più naturale e, se ciò implica il fotoritocco, non mi impongo nessuna limitazione al di fuori della coerenza con me stesso.